IL nostro modo di lavorare - RIPARAZIONE ALTOPARLANTI TELEPRODOTTI

Vai ai contenuti

Menu principale:

IL nostro modo di lavorare

sez.HOME SITE
sez.SHOP ONLINE

Una breve panoramica sui controlli che eseguiamo sui vostri altoparlanti prima e dopo la riparazione


Test trecciole

Controllo delle trecciole degli altoparlanti, eseguiamo il controllo accurato delle trecciole sottoponendole ad un doppio  test in cc/ca che mette a nudo anche piccolissime perdite dovute all'ossidazione delle scaglie d'argento, rame o alluminio di cui sono rivestite perimetralmente i fili in seta che, inevitabilmente il tempo deteriora in seguito a fenomeni di ossidazione.
Sottoponendo a questo test il vostro trasduttore avrete la certezza di non avere problemi ulteriori a distanza di almeno 7/10 anni, in caso di sostituzione ricopriamo le giunture di ancoraggio (massa mobile-morsetti di collegamento)i con impregnanti in grado di far fronte alle sollecitazioni imposte dalla struttura del cono rendendo elastiche e smorzate le parti terminali di piegatura maggiormente sollecitate.

Test trecciole in cc / ca





Controllo posizione a riposo dellla  bobina (offset)

La posizione di riposo della bobina (offset) è un parametro molto critico spesso trascurato  negli altoparlanti, se  l'offset della bobina è in posizione errata può produrre forti distorsioni del segnale riprodotto facendo assumere al cono un lavoro totalmente asimmetrico durante le fasi della sua corsa .
Noi eseguiamo il controllo  della bontà dell'offset tramite misura micrometrica che ci permette di effettuare i dovuti accorgimenti pe​r riport​are l'altoparlante ad un funzionamento di corsa lineare e quindi perfettamente simmetrico.

Misura micrometrica della posizione di riposo della bobina dell'altoparlante :

Controllo isolamento spire del Solenoide

La bobina dell'altoparlante è costituita da una serie di spire di rame od alluminio ricoperti da una vernice isolante che provvede ad isolare le spire affiancate e quelle sovrapposte nell'avvolgimento, talvolta in seguito a degli usi intensivi può verificarsi la parziale perdità di isolamento di alcune spire creando inevitabilmente una condizione di corto induttivo, quando si verifica questa condizione l'altoparlante continua a funzionare ma scorre una corrente sulla bobina notevolmente alta che comporta l'immancabile totale  distruzione dell'avvolgimento, erroneamente spesso si pensa che attraverso la misurazione ohmetrica eseguita in CC (con un tester) possa essere evidenziato il problema, in realtà se il numero di spire in corto è relativamente basso questa misura non evidenzia il problema ed il solenoide andrà in contro con il tempo a distruzione certa.
Nel nostro caso  eseguiamo la verifica dell'isolamento della bobina attraverso un coil tester in grado di evidenziare qualsiasi corto induttivo anche se provocato da una sola spira.

Controllo del modulo di impedenza
L'altoparlante è un attuatore elettromeccanico atto a trasformare un segnale elettrico in un movimento meccanico che a sua volta tramite lo spostamento d'aria provocato dal movimento genera le onde sonore,esso è formato da una parte elettrica ed una meccanica, le due parti sono strettamente correlate e quindi influenzate vicendevolmente da qualsiasi variazione (fattore BL,campo magnetico,massa mobile,cedevolezza del sistema mobile, tramite la rilevazione del modulo d'impedenza (risposta spettrale dell'impedenza nel dominio della frequenza) riusciamo a riscontrare se i parametri TS sono corrispondenti a quelli originali avendo rispettato i parametri originali del trasduttore, spesso purtroppo giungono in laboratorio altoparlanti precedentemente mal riparati profondamente alterati sia per eccessivo impiego di collanti che pregiudica il peso totale del cono sia per l'impiego di bordi la cui cedevolezza è assolutamente incompatibile al bordo originario.
Per noi riparare un altoparlante significa tassativamente ripristinarne le caratteristiche elettromeccaniche d'origine in quanto il diffusore di appatenenza (crossover ed il tipo di accordo del cabinet) sono strettamente correlati al trasduttore
Controllo spettrale della risposta in frequenza
Il controllo della risposta nel dominio della frequenza diviene indispensabile negli altoparlanti che riproducono la parte medio medio_alta alta nella riproduzione dello spettro acustico (fullrange,midrange,tweeter).
A seguito di interventi esegiti su questa tipologia di altoparlanti si rende necessaria una verifica prestazionale al fine di garantire al Cliente una riparazione eseguita a regola d'arte.
Per renderVi conto di quanto asserito; 0,3 grammi di peso su una struttura mobile di un tweeter dal collo 25mm stravolgono completamente le prestazioni con differenze del 400% sull'ultima ottava .
Altro problema che determina variazioni significative in termini di risposta in frequenza di questo tipo di altoparlanti è la rigidità della struttura radiante, data la elevata velocità di funzionamento dei suddetti trasduttori diventa paticolarmente importante verificarne lo stato immancabilmente modificato dal tempo soprattutto se si tratta di trasduttori con più di dieci anni di vita al loro attivo...


                 

Impregnatura del cono
Durante la riparazione, non ci limitiamo alla semplice sostituzione del bordo,bensì eseguiamo una serie di verifiche sulla struttura mobile dell'altoparlante,particolarmente sul cono
ridonando allo stesso la primitiva funzionalità e dignità estetica.
Soprattutto per gli altoparlanti realizzati con il cono in carta si assiste col tempo un immancabile deterioramento determinato dall'esposizione alla luce,unito alla presenza delle sostanze ossidanti presenti nell'aria.
Ciò provoca un disfacimento microscopico nell'impasto della carta di cui è composto il cono dell'altoparlante ( in genere subiscono maggiormente l'effetto i coni di carta realizzati con l'aggiunta di parti organiche ( es.quelli realizzati con impasto di pelo di coniglio od altri animali).
Noi interveniamo in caso di necessità impregnando il cono in modo da conferirgli l'originaria rigidità strutturale ed allo stesso tempo evitare il disfacimento e la microframmentazione della carta, effettuando questa operazione preserveremo la carta del cono per almeno un decennio,riprtando il livello qualitativo del trasduttore all'originario splendore,inoltre per la serie che "anche l'occhio vuole la sua parte" l'effetto visivo viene ad essere un marcato ringiovanimento dello stesso...
 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu